Shawn, Gus e i sensitivi

I due imbecilli protagonisti della serie.

“Max, prova a tirare giù Psych, credo che ti piacerà” disse Daze qualche mese fa.
Bah, proviamo, mi dico, al limite non mi piace e cancello.

Credo che Psych sia una delle serie più belle e divertenti degli ultimi anni, poche palle.
La storia è presto spiegata: Henry Spencer, poliziotto per passione e talento, addestra suo figlio Shawn, il protagonista della serie, a diventare un acuto osservatore per poi diventare un ottimo poliziotto.
Shawn sviluppa così il talento di vedere al volo indizi e particolari che nessuno può notare.
Come ogni buon rapporto padre/figlio incasinato tipico dei telefilm, il figliolo, una volta cresciuto, non ci pensa minimanente a seguire le orme del padre, così comincia una vita sregolata, nomade e all’insegna del “Si vive una volta sola”.

Una volta tornato a Santa Barbara, per puro caso e grazie alle sue capacità, Shawn risolve un caso semplicemente guardando il telegiornale.
Dà la soffiata, va a cercare una sorta di ricompensa al dipartimento di polizia; i bravi detective, però, sospettano che lui abbia le informazioni perché è implicato nella truffa.
Per liberarsi delle accuse sfrutta la sua abilità di osservatore per fingersi un sensitivo.
Già da questo, si capisce il personaggio: sciocco, infantile, spesso irritante, ignorantello quanto basta e incredibilmente nerd.

Mi fermo con la descrizione, il resto scopritelo da soli. D’altronde, come sempre, Wiki e Google sono amici utili.

Ogni puntata presenta un’omicidio o un crimine che i due detective privati devono risolvere, con l’aiuto della polizia di Santa Barbara e del padre di Shawn.
Ma è una comedy, quindi ampio spazio all’arroganza ignorante di Shawn, alle fobie infinite di Gus e alle mille gag che il duo si inventerà.

Insomma, data l’ora*, vi consiglio di spararvi un paio di puntate.
Poi mi direte che ne pensate.

Vi lascio con una sigla a caso.


Sembrano quasi seri, ogni tanto.

*Sì, è un post programmato. E allora? Qui si lavora, mica come voi.

Un pensiero su “Shawn, Gus e i sensitivi

  1. Iniziato a vedere per sbaglio da un amico. STOP. Trovato gradevole. STOP. Confermo l’assoluta imbecillità della coppia di protagonisti. STOP. Da rivedere. FINE MESSAGGIO.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...