[PseudoRECE] Uncharted 2: Il covo dei ladri

Uncharted2BetaKeyGiveaway

Questo è il gioco che mi ha fatto comprare la PS3.

Ma per spiegare bene Uncharted bisogna parlare prima del primo capitolo.
Dunque: Nathan Drake è (o si crede, non ho capito) l’ultimo erede di Sir Francis Drake e seguendo le sue tracce si trova nel bel mezzo della leggenda su El Dorado.

Il gioco si presenta come un mix tra Gears of War e Tomb Raider, con sezioni di platforming puro, enigmi e indovinelli mischiati con parti di sparatorie a là Marcus Fenix e soci.

Fu uno dei primi titoli del parco giochi dell’ammiraglia Sony a sfruttare il SixaxiS e (ahimè) era implementato davvero male.Voglio dire, perché devo inclinare il  controller per lanciare le granate più o meno lontano?
A parte questo, il look da action movie, le battute continue di Nathe e la storia in sè, lo rendono l’erede next gen di Indiana Jones, il che è solo un bene.

Passiamo a raccontare qualcosa del gioco vero e proprio, del secondo gioco, intendo.
La storia è circolare: si comincia con Nathe mezzo morto su un treno deragliato tra le montagne del Nepal senza sapere il perchè e si rigiocano i ricordi che hanno portato lì il nostro avveturiero preferito fino a fare il giro e mirare al gran finale.Questo tipo di narrazione, sarà che sono snob, sarà per colpa di Fight Club, è la mia preferita, perciò ci sono andato a nozze.
Il gioco riprende e migliora tutte le caratteristiche del primo capitolo, dalle coperture al corpo a corpo e…Momento, sto facendo il serio?Naaaah.

È figo, la grafica è ottima, ci sono cose che ci spari e poi salti di qui e di là, sopra che dondoli e mentre dondoli spari, prepari il caffè e ripasso per quell’esame che proprio il prof non ti lascia passare, mannaggiallùi.La vera essenza del gioco si può riassumere così: t’arrampichi, spari, fai la spesa, risolvi l’enigmuccio di turno, t’arrampichi eccetra, che detto così pare brutto e invece…
Sarà la simpatia di Nathe, sarà la trama che convince e coinvolge, sarò io che sono un tarro fino al midollo, ma questo è un titolo che DEVE essere nelle vostre videoludoteche se avete una Ps3.Punto.

Menzione a parte per il mutiplayer: da un lato è coivolgente e (scusate, milioni di appassionati) brutalmente copiato da Gears of War, dall’altro ha un difettuccio nel matchmaking che mi ha fatto storcere più volte il naso: non puoi e ripeto non puoi mettere insieme due tizi di livello 6 contro una squadra di livello 40.È non solo ingiusto, ma rovina anche il divertimento di quei due stronzi che cercano di salire di livello.A parte questo, merita di essere giocato, anche se, come dice Farenz*, avrei preferito un paio di livelli in più piuttosto che il multiplayer.

Voto: 10/10 (crepi l’avarizia, mi piace un botto)

*Se non sapete chi è Farenz, abbiate pazienza. Domani lo scoprirete.

Un pensiero su “[PseudoRECE] Uncharted 2: Il covo dei ladri

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...